Truffe assicurazioni autoIl problema delle assicurazioni false rappresenta una vera e propria piaga dell’intero sistema assicurativo. Purtroppo non è difficile imbattersi in compagnie false, che non hanno ricevuto l’autorizzazione ad esercitare la loro attività di assicuratori in Italia, o anche in intermediari non autorizzati che potrebbero vendere all’utente ignaro polizze false, frutto in molti casi di dati errati o inventati di sana pianta dall’intermediario stesso.

Destreggiarsi nel settore assicurativo non è, quindi, semplice. Una prima soluzione per evitare di imbattersi in una compagnia assicurativa falsa è rappresentato dall’utilizzo di un comparatore di prezzi polizze auto che racchiude tantissimi preventivi, per diverse tipologie di polizze assicurative, proponendo esclusivamente aziende che hanno ricevuto l’autorizzazione diretta per esercitare la loro attività sul mercato italiano. Tramite il sistema di comparazione si avrà la possibilità di risparmiare, individuando facilmente i preventivi più convenienti, e nello stesso tempo ci si metterà al sicuro da eventuali truffe di vario genere avendo la possibilità di attivare assicurazioni solo da aziende certificate ed autorizzate.

Tale autorizzazione viene concessa dall’Ivass, l’Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni, che rappresenta uno dei principali punti di riferimento per gli utenti al fine di evitare truffe per quanto riguarda il settore assicurativo. Dal sito ufficiale dell’Ivass, disponibile all’indirizzo www.ivass.it, è, infatti, possibile accedere ad una serie di strumenti che permettono al consumatore di destreggiarsi al meglio nel settore assicurativo.


Ad esempio, tramite il portale dell’Ivass è possibile accedere all’elenco completo delle imprese italiane ed estere che possono offrire ai consumatori del nostro Paese polizze RC Auto. Il modo più rapido ed efficace per valutare se una determinata compagnia assicurativa è falsa e verificarne la presenza in questi elenchi. Solo le imprese incluse in tali elenchi possono esercitare l’attività di assicurazione in Italia.

Sempre dal portale dell’Ivass è, inoltre, possibile accedere al Registro Unico degli Intermediari assicurativi e riassicurativi che racchiude tutte le persone fisiche e le società che hanno l’autorizzazione ad esercitare l’attività di intermediario, una figura professionale che, purtroppo, deve spesso fare i conti con millantatori e truffatori.

Sono, infatti, sempre più frequenti i casi di truffe ai danni dei cittadini che hanno acquistato delle polizze tramite degli intermediari rivelatisi poi dei truffatori. Anche in questo caso, come per le imprese, è importante verificare dal Registro Unico pubblicato e curato dall’Ivass che un determinato intermediario sia effettivamente autorizzato a svolgere la sua attività professionale.

Il settore delle assicurazioni auto e moto è, chiaramente, il comparto più a rischio truffe nel mondo assicurativo. Oltre ad aziende farlocche e intermediari non autorizzati, è possibile imbattersi, ad esempio, in contrassegni assicurativi falsi in quanto modificati “in casa” da utenti malintenzionati. E’ possibile, in questi casi, verificare autonomamente se un determinato veicolo è dotato o meno di copertura assicurativa valida.

Basta recarsi sul Portale dell’automobilista, disponibile all’indirizzo www.ilportaledellautomobilista.it. Nell’apposita sezione, raggiungibile già dalla home page, sarà sufficiente inserire il numero di targa di un determinato veicolo per scoprire se questo risulti coperto o meno da copertura assicurativa valida.

E’ importante sottolineare che per evitare truffe di qualsiasi tipo in merito alle assicurazioni è fondamentale prestare la massima attenzione ad ogni singolo aspetto. Come evidenziato è possibile controllare i nomi delle compagnie e degli intermediari e verificare, inoltre, se un determinato veicolo risulti effettivamente coperto da una assicurazione. Analizzando tutti questi aspetti ci si potrà tutelare dalle truffe. Prendersi un po’ di tempo per effettuare questi controlli, quindi, è essenziale.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo e metti Mi Piace:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *