Il 2010, per il settore RC Auto, è stato un anno che ha acceso la polemica sui rincari.

In realtà l’aumento delle tariffe nel mondo delle assicurazioni auto è un processo iniziato circa 10 anni fa. Secondo alcuni studi delle diverse associazioni dei consumatori, gli aumenti sulle tariffe hanno avuto un incremento del 149% dal 2000 a oggi, con punte del 173% in alcuni periodi.

Tornando all’andamento del mercato di quest’ultimo anno, è emerso che l’impennata dei premi RC Auto c’è stata e ha portato a una crescita dei costi delle polizze (assicurazioni auto e assicurazioni moto) pari al 25% rispetto al 2009.


Aumenti altissimi dal 2000 ad oggi per tutte le polizze RC AutoSe si prendono i dati degli aumenti rilevati per le Compagnie assicurative si notano delle differenze a seconda della tipologia: infatti, se le compagnie dirette, vale a dire le assicurazioni on line con cui si sottoscrive la polizza via Internet o via telefono, hanno contenuto il rincaro medio al 17,3%, le compagnie tradizionali hanno fatto registrare rincari maggiori, addirittura del 28,7%.

Adoc, l’Associazione nazionale per la Difesa e l’Orientamento dei Consumatori, ha voluto anche dare uno sguardo alla situazione degli altri Paesi europei, confrontando i prezzi medi delle polizze in Italia a livello europeo. Secondo lo studio, in Italia si pagano mediamente 407 euro per polizza, quasi il doppio rispetto ai 222 euro della Germania e agli ancora più economici 172 euro della Francia.

La difesa delle Assicurazioni: “I prezzi sono alti anche per le troppe truffe”.

Le Assicurazioni rispondono alle accuse sugli aumenti e replicano puntando il dito su i guidatori disonesti responsabili delle truffe che gravano sui costi delle Compagnie di assicurazioni, e sottolineando che anche il dato sulle truffe a danno delle assicurazioni italiane è tra i più alti in Europa.

Gli incidenti inventati sembrerebbero essere davvero frequenti e con un’incidenza particolarmente alta al Sud: passeggeri lesionati che sbucano all’improvviso, richieste gonfiate, colpi di frusta senza eguali in Europa e testimoni di incidenti virtuali sempre pronti a dire “io c’ero e ho visto tutto”.

A questo proposito il presidente della Fondazione Ania, Sandro Salvati, commenta così il discorso sulle truffe: “I consumatori devono sapere che l’85% del costo dell’RC Auto sono soldi che prendiamo, ma che poi vengono redistribuiti per rimborsare i sinistri. Su 10 automobilisti italiani, tre sono truffatori e per colpa di tre persone che portano a casa migliaia di euro inesistenti, ce ne sono sette che vedono aumentare i prezzi”.

Salvati conclude così: “Paesi come la Francia dove il prezzo medio delle tariffe è più basso, registrano una frequenza dei sinistri che è la metà di quella della nostra Penisola”.

Sicuramente le associazioni dei consumatori e le Assicurazioni dovranno trovare un punto d’incontro.

Giovanni Metti, Presidente nazionale dello SNA (Sindacato Nazionale Agenti di assicurazione) ha dichiarato di essere dalla parte dei consumatori e di voler ridurre i costi insostenibili per le famiglie italiane dando vita a un mercato sostenibile, caratterizzato da tariffe eque ed accettabili per le famiglie e le imprese.

Cosa succederà lo scopriremo solo nel 2011… ma la speranza è di vedere un mercato con tariffe più eque.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo e metti Mi Piace:
0

2 commenti il Rincari polizze: è stato un 2010 di fuoco per il settore RC Auto

  1. Se si e’ intestatario di due auto con assicurazione RCA in 1° classe di merito (DECRETO BERSANI),e si fa un incidente con conseguente richiesta risarcimento danni,solo l’auto che e’ stata coinvolta subisce il declassamento di classe o tutte e due? GRAZIE

    • Salve GIANCARLO,
      un’assicurazione che stipulata con decreto Bersani è una polizza che ha in comune con la polizza più vecchia solo la classe di merito. Si tratta quindi di una polizza autonoma e totalmente svincolata da quella che “presta” la CU.
      Per questo motivo, in caso di sinistro con colpa, solo l’assicurazione dell’auto con cui è avvenuto l’incidente subirà un declassamento di 2 CU. L’altra rimarrà invariata.
      Saluti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *