Polizze mutui casaAccedere a un mutuo casa per poter comprare l’abitazione dei propri sogni e sobbarcarsi il peso delle rate rappresenta un impegno a lungo termine: ecco perché è fondamentale stipulare un’assicurazione che possa tutelare banca e cliente da eventuali danni, come incendio o scoppio.

Quali tutele dall’assicurazione obbligatoria: incendio e scoppio

L’assicurazione mutuo casa viene stipulata con la banca nel momento in cui si va a richiedere e ottenere un finanziamento e viene aggiunta alla rata mensile al fine di tutelare l’istituto creditizio e il cliente. In quest’ottica, soprattutto per la banca che vuole assicurarsi che nonostante impedimenti fortuiti il mutuatario sia sempre in grado di restituire la somma anticipata, esistono delle assicurazioni che sono addirittura obbligatorie, come la polizza Scoppio e Incendio. Nel caso di danni leggeri o gravi a un’abitazione a seguito di un incendio o esplosione il proprietario dell’abitazione nonché mutuatario, può arrivare ad ottenere grazie all’assicurazione una copertura totale dei costi. La cifra coperta dall’assicurazione è quella corrispondente al costo della ricostruzione dell’immobile stesso, con la possibilità per il cliente di poter continuare a pagare le rate del mutuo senza modifiche sull’importo delle stesse. Esiste anche la possibilità di prevedere un premio assicurativo che varia a seconda del valore dell’immobile. Il premio assicurativo può essere pagato mensilmente, con una maggiorazione delle rate del mutuo casa,oppure nel momento in cui viene stipulato il mutuo; sul premio vengono applicati i tassi d’interesse.

Assicurazioni facoltative su mutuo casa

Altra questione è l’assicurazione facoltativa, richiesta dal cliente anche se in molti casi è la banca stessa a spingere perché questa polizza venga stipulata. Le polizze facoltative rappresentano una grande garanzia per la banca, infatti vanno a coprire degli imprevisti che potrebbero capitare al cliente impedendogli così di saldare il mutuo casa. Tra gli imprevisti rientrano la morte, l’infermità e la perdita del lavoro; in quest’ultimo caso la polizza viene di norma stipulata solo se in presenza di un contratto a tempo indeterminato. Nel caso di morte del mutuatario invece, l’assicurazione verserà la cifra del mutuo restante da pagare agli eredi per saldare il debito con la banca, ma solo metà nel caso di mutuo casa cointestato.

Nel momento in cui si decide di stipulare una polizza, sia essa obbligatoria o facoltativa, è bene che il mutuatario scelga con attenzione la compagnia assicurativa cui affidarsi. In caso di controversie e problemi il cliente può sempre rivolgersi all’IVASS, l’Istituto di Vigilanza sulle Assicurazioni.


Fai conoscere questo articolo:

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *