Assicurazioni auto e moto d'epoca e storiche Mettiamo il caso che il vostro ampio garage contenga qualche decina di veicoli dal valore inestimabile, o che il vostro parco veicoli si riduca al possesso di un solo veicolo ultraventennale, ciò che occuperà certamente i vostri pensieri sarà come risparmiare alla prossima scadenza dell’assicurazione.

E potrebbe avervi allarmato anche tutto quello che si dice in proposito, ovvero che sarà necessaria l’iscrizione all’ASI e che questa iscrizione costa parecchio e non è garantita a chiunque.

Proprio pensando a quanti di voi possono pensarla in questo modo, e raccogliendo la segnalazione dei responsabili del Registro Italiano Veicoli Storici, abbiamo creduto che fosse importante fare chiarezza e segnalarvi che l’iscrizione ad uno dei registri di cui all’art.60 comma 4 del Codice della Strada NON E’ un requisito necessario per assicurare come storico il proprio mezzo. In questo caso, difatti, a stabilire quali veicoli siano storici e quali no è la compagnia assicuratrice, che, con criteri propri, si riserva la possibilità di convenzionare anche altri club o soci i quali avranno diritto all’accesso al prodotto assicurativo per i veicoli storici. Ciò che non cambia mai, come detto, è il requisito dell’iscrizione ad un club di veicoli storici, che è una caratteristica dei prodotti assicurativi dedicati.

Allora, quale può essere la soluzione per chi ha l’esigenza di assicurare il proprio veicolo come storico?

Ci sono sostanzialmente due strade alternative:

  • iscrivere il proprio veicolo ad uno dei registri di cui all’art. 60 C.d.S. (se possibile), e poi rivolgersi ad una compagnia di assicurazioni che lo assicuri come storico;
  • rivolgersi ad un Club o un Registro che offra agli associati la possibilità di aderire a convenzioni assicurative proprie.

Quest’ultima soluzione, stranamente poco conosciuta, rappresenta in realtà un’alternativa valida ed economica, soprattutto si pensa che,  l’iscrizione ASI non è una tantum, ma deve essere confermata annualmente con il rinnovo della tessera sociale, che ha un costo abbastanza elevato (circa 110 euro).

A chi volesse avere maggiori informazioni consigliamo di rivolgersi al Registro Italiano Veicoli Storici (www.rivs.it) che, stipulando accordi con alcune compagnie, possono fornire un servizio alternativo molto pratico e decisamente economico, soprattutto ai propri soci. Ricordiamo inoltre che i certificati del RIVS sono riconosciuti in alcune regioni italiane (purtroppo non in tutte!) al fine di ottenere la riduzione della tassa di possesso (bollo).

In definitiva, chi non può o non vuole iscriversi all’ASI o all’FMI, troverà una strada alternativa per poter assicurare il proprio veicolo a costi molto convenienti.


Fai conoscere questo articolo:

    135 commenti il Assicurazione veicoli storici: facciamo chiarezza

    1. Per Alessio (Commento: 18 gennaio 2016)

      Ciao Alessio, credo tu faccia riferimento alla formula assicurativa prevista da ASI in convenzione con TUA Assicurazioni. L’assicurazione speciale, come da fascicolo visionabile e scaricabile sul sito ASIFED è applicabile a ciclomotori e motocicli purché appartenenti ad un gruppo e dotati di certificato di identità ASI, quindi, se le tue due moto posseggo tali requisiti, puoi stipulare anche tu l’assicurazione cumulativa.

      La polizza RCA cumulativa prevede una differenziazione per fasce di numero mezzi assicurati : 1 veicolo – da 2 a 3 – da 4 a 6 – da 7 a 10 – da 11 a 15 – da 16 a 20 /possibilità inserimento veicoli in corso di contratto, guida libera per i maggiori di 25 anni, tutela legale e altre garanzie. Per avere più informazioni può rivolgersi ai contatti della compagnia di assicurazioni indicata nel portale ASIFED.

      Alessandro Voci
      SosTariffe.it

    2. Per Manuel (Commento: 22 settembre 2016)

      Salve Manuel, intende sapere se può assicurare un veicolo storico a buon prezzo senza iscrizione all’ASI? La legge non impedisce questo, anzi, la Corte di Cassazione con Sentenza n° 3837/2013 ha precisato che non esiste obbligo di passare per l’iscrizione ad un club, procedere con l’iscrizione all’ASI e assicurare poi il veicolo con la stessa per ottenere benefici come esenzione dal bollo ed eventualmente l’ assicurazione a prezzi stracciati (la sentenza riguarda le tasse automobilistiche, ma fa comprendere l’esistenza diritti a prescindere da iscrizioni varie).

      Vero è che con l’iscrizione ASI si accede a particolari formule scontate grazie alla convenzioni con alcune compagnie, ma esistono anche altre assicurazioni specializzate in auto storiche con prezzi che si avvicinano alla cifra che Lei desidera. Il punto è un altro. La maggior parte delle compagnie per assicurare un veicolo storico a tariffe basse, classe di merito fissa e altre facilitazioni, chiede l’esibizione del certificato d’interesse storico rilasciato proprio dall’ASI, e per ottenerlo bisogna iscriversi all’ASI passando attraverso l’iscrizione ad un club.

      Ora, se vuole evitare la trafila delle iscrizioni, può provare comunque ad assicurare il veicolo senza ottenere il certificato di storicità. Le consiglio di confrontare diversi preventivi online con il motore di ricerca offerte assicurazioni di SosTariffe.it, in modo da farsi un’idea dei costi approssimativi per la polizza Cherokee.

      Alessandro Voci
      SosTariffe.it

    3. Per Rino (Commento: 25 settembre 2016)

      Salve Rino, la sua domanda interessa molti automobilisti. Non è raro infatti che per esigenze famigliari ci sia bisogno di veicoli comodi come il fiorino per trasportare biciclette, spesa, o altri beni non ad uso commerciale di imprese. Nella prassi accade che veicoli tradizionalmente commerciali, autocarri come il fiorino vengano utilizzati da privati per semplici spostamenti, ma cosa dice la legge al riguardo? Il comma 6 dell’articolo 82 del Codice della Strada sulla “destinazione ad uso dei veicoli” afferma che: “previa autorizzazione dell’ufficio della Direzione generale della M.C.T.C., gli autocarri possono essere utilizzati, in via eccezionale e temporanea, per il trasporto di persone”.

      Continua il comma 6: “chiunque, senza l’autorizzazione di cui al comma 6, utilizza per il trasporto di persone un veicolo destinato al trasporto di cose è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 398 a euro 1.596. Tradotto significa che tecnicamente l’autocarro non può essere usato come vettura privata, salvo autorizzazione temporanea, o si applicano le sanzioni previste dal Codice della Strada. Non sarà semplice dunque trovare un fiorino immatricolato come vettura, e se lo trova dovrà tenere in considerazione quanto dispone la legge. Poniamo si tratti di veicolo storico con apposito certificato.

      I veicoli storici godono di speciali assicurazioni con classe di merito fissa e sono molto convenienti rispetto alla classica Rca, inoltre includono spesso la guida libera. Quanto può costare la polizza per veicolo storico dipende dalla compagnia cui ci si rivolge e si possono ottenere ulteriori sconti con le convenzioni ASI. In alternativa può confrontare i preventivi Rc auto con il comparatore di SosTariffe.it, ma le consiglio di verificare prima che la compagnia offra polizze storiche.

      Alessandro Voci
      SosTariffe.it

    4. Buongiorno, grazie a chi potrà aiutarmi. Avendo già due auto volevo acquistare per uso familiare un fiorino o similare ultraventennale evitando tutte le trafile asi. Ci sarà differenza di costi sta ne trovassi uno immatricolato autovettura? Quanto mi potrà costare questa assicurazione?? Grazie

    5. Scusate vorrei assicurare una cherokee del 1994, senza passare da alcun autoclub, e possibile avere un prezzo concorrenziale intorno ai 250 euro all anno? Grazie…

    6. Salve io ho una yamaha virago 535 e una vespa 50 special tutte e 2 iscritte all’asi, ho sentito parlare di un’assicurazione comulativa, cioè paghi un’assicurazione d’epoca prezzo pieno e aggiungendo una piccola cifra farla ad entrambe… io la posso fare

    7. Per Valeriano (Commento: lug 24, 2015)

      Buonasera Valeriano,
      non esiste alcun obbligo di acquistare l’assicurazione nella regione in cui si risiede, esistono infatti le assicurazioni online, compagnie assicurative economiche operanti su tutto il territorio nazionale perché presenti sul web, dove è possibile acquistare e gestire l’Rca in un solo click.

      Esiste tuttavia l’obbligo, da parte dell’assicurato, di fornire i dati relativi alla residenza, in base ai quali verrà calcolato il premio assicurativo. Attualmente, non esiste un’equa tariffa unica Rc auto valida in tutta Italia, e i premi assicurativi (purtroppo) variano da regione a regione e di città in città, in base alle statistiche sulla sinistrosità.

      Rilasciare dichiarazioni mendaci ad un’impresa di assicurazioni circa la residenza, per risparmiare sulla copertura, significa incappare nel reato di frode. Per quel che riguarda le assicurazioni moto storiche, è necessario, al fine di ottenere la copertura avere almeno 23 anni, ed ottenere il certificato di moto d’epoca dall’Asi, essendo preventivamente iscritti ad uno dei club moto federati.

      Alessandro Voci
      SosTariffe.it

    8. Chiedo scusa, ho acquistato una vespa del 79 50c.c., si può assicurare con qualsiasi compagnia che faccia assicurazioni storiche in tutto il territorio nazionale o specificamente nella regione in cui si risiede?
      Grazie
      P.s.: il mezzo è iscritto anche alla Federazione

    9. Per Simone (Commento: dic 07, 2014)

      Salve Simone,
      è vero, diventando socio di un Camper Club otterrebbe l’assicurazione a prezzi ridotti, ma sappia che c’è da pagare la tessera socio annuale. In alternativa confronti i prezzi delle assicurazioni su SosTariffe.it.

      Tra i club presenti su Roma le consiglio il Camper Club Antichi Casali, il Camper Club Ciampino e il Roma Camper Club. Può consultare sui rispettivi siti internet tutte le agevolazioni previste per i soci, o recarsi in sede per ottenere maggiori informazioni sull’assicurazione. Cordialmente.

      Alessandro Voci
      SosTariffe.it

    10. Per Vito (Commento: dic 29, 2014)

      Salve Vito,
      per iscriversi al Registro Auto d’Epoca il veicolo deve esser stato costruito almeno 20 anni prima rispetto alla richiesta di iscrizione, quindi la risposta a primo impatto è sì.

      Sappia però che sono richiesti altri e diversi requisiti, come l’interesse storico e il valore collezionistico la cui valutazione spetta all’ASI, allo Storico Lancia, all’italiano Fiat all’Alfa Romeo e allo Storico FMI che rilasciano il certificato di “rilevanza storica e collezionistica”.

      Alessandro Voci
      SosTariffe.it

    11. Ho un fiat om 40 del 1978 ma è stata rifatta una nuova immatricolazione nel 1996 lo posso iscrivere come autocarro d epoca?

    12. Buonasera,
      posseggo un camper volkswagen t4 del 1993 acquistato in germania e appena regolarmente immatricolato in italia (Roma).
      Ora devo assicurarlo e sono indeciso se iscriverlo ai camper d’epoca (e quindi usufruire dei vantaggi economici per l’assicurazione ) oppure iscriverlo a un Camper Club (che a quanto ne so io ha la possibilità di farti fare l’assicurazione a prezzi ridotti).
      Dalla vostra esperienza, quali sono i vantaggi/svantaggi dei dell’iscrizione ai camper d’epoca e dei Camper Club?
      E soprattutto, per l’assicurazione secondo voi quale delle due possibilità mi conviene di più in termini economici?
      Ed eventualmente qual’è a Roma il Camper Club migliore e il miglior club per iscriverlo come camper d’epoca?
      Grazie anticipatamente della risposta.
      Simone

    13. Per simone (Commento: ago 31, 2014)

      Si, potrebbe usufruire delle agevolazioni previste dalla Legge Bersani qualora ve ne siano i presupposti ma anche delle tariffe previste per la guida esperta. Più si va avanti con gli anni meno costa l’assicurazione ( a meno che la sua carriera assicurativa non riveli molti sinistri). Questo è il motivo per cui i soggetti più svantaggiati sono i neopatentati.

      Saluti

      Alessandro Voci
      SosTariffe.it

    14. Salve Andrea, questo è un requisito richiesto da pressochè ogni assicurazione. Iscrivendosi al RIVS avrebbe molte soluzioni assicurative alternative a Groupama. Ci contatti per maggiori informazioni.

      Cordialmente
      STAFF RIVS

    15. Salve,
      può trovare la risposta nelle faq Groupama, dove è specificato che tra i requisiti obbligatori vi è anche l’iscrizione a un club federato.

      “Per i proprietari di veicoli storici Groupama Assicurazioni propone GUIDAMICA VEICOLI STORICI, a particolari condizioni tariffarie. Per beneficiare di queste condizioni è necessario che:
      a) il veicolo risulti iscritto all’ASI, alla FMI, al Registro Italiano FIAT, Alfa Romeo, Storico Lancia;
      b) l’intestatario al PRA risulti iscritto annualmente a club federato ASI;
      c) il veicolo venga utilizzato prevalentemente per la partecipazione a manifestazioni non aventi carattere agonistico.

      Per avere maggiori informazioni, puoi rivolgerti a una Agenzia Groupama Assicurazioni.

      Saluti

      Alessandro Voci
      SosTariffe.it

    16. se compro una ford ka del 2003 può usufruire quindi di sconti sull’assicurazione e il bollo avendo più di 20 anni?io ho 36 anni.

    17. salve posseggo una moto bmw k100 del 1986 iscritta fmi, la mia assicurazione mi ha riferito che alla scadenza non mi potra’ piu’assicurare il mezzo al prezzo attuale della poliza, perche’la societa’assicuratrice Grupama vuole l’iscrizione ad un club.Vi chiedo e’ obbligatorio essere iscritti ad un club, quando la moto ha gia il certificato fmi. Grazie

    18. Salve, le conviene chiedere informazioni direttamente all’assicurazione cui si rivolgerà. Generalmente fa fede la data di immatricolazione in Italia, tuttavia producendo adeguata documentazione (vecchio libretto o attestato di costruzione emesso dalla casa costruttrice) potrà inserire la data di prima immatricolazione all’estero. Questa è anche la prassi che seguono generalmente gli appassionati che acquistano veicoli storici dall’estero.

      Cordialmente
      STAFF RIVS

    19. Salve io ho una Mercedes classe b importata. Quest’auto e stata immatricolata in Germania il 01/12/2009 ma reimmatricolata in Italia il 3 febbraio 2013. Dovendo fare un’assicurazione su internet che anno devo mettere?

    20. RIVS: grazie per la risposta. A fine aprile 2013 ho assicurato l’autocarro come veicolo storico, lo uso per trasporto personale, anche per cose proprie. Il veicolo non è per uso professionale (lavoro).

    21. Buongiorno,
      ho un autovettura autocarro che è atato immatricolato nel 1990, una volta assicurato come asi auto storica, se tra qualche anno volessi acquistare anche usata una auto normale con quale classe comincerei? Dalla 14 perchè auto normale? dalla classe della mia ultima polizza autocarro? Dalla polizza asi stessa e in questo caso posso approfittare della legge bersani?
      Grazie

    22. Salve,

      sono di Taranto, ho una FIAT 500f del 66 ASI ed una Moto Yamaha XJ400 del 1982. Trovo difficoltà a trovare compagnie disposte a fare polizze storiche per i miei mezzi, nonostante abbia una 1ª classe con 5 anni senza sinistri e 38 anni di età. Vorrei sapere se è possibile avere accesso a qualche convenzione che possa risolvermi il problema.

      grazie anticipatamente,

      Alessandro P.

    23. Buongiorno desidero chiedere una informazione io ho una renault supercinque immatricolata nel 1985,da circa 4 annni ho istallato l’impianto gpl,potrei lo steso iscriverla come macchina d’epoca per usuffruire risparmio sulla rca, grazie

    24. Orlando: gli autocarri in genere se assicurati come veicoli storici possono essere utilizzati solo per scopo privato di qualsiasi genere. Importante è che questo non venga utilizzato per uso professionale.

      Vito: la richiesta dell’assicurazione è insolita, comunque sia provi a informarsi su quali documenti richiedono. Potrebbe bastare un’autocertificazione, oppure un qualsiasi certificato di storicità di uno dei registri nazionali, che generalmente vengono rilasciato solo dopo la presa visione delle caratteristiche del veicolo.

      Ludo: l’uso non professionale è implicito nella definizione di veicolo storico sia per quanto riguarda l’art. 60 del Codice della Strada sia secondo quanto riportato dall’art. 63 della L.342/2000

    25. @Ludo: si intende che l’Assicurazione non risponde di eventuali danni e responsabilità se il veicolo è utilizzato per lavoro.

    26. Buongiorno, vorrei sapere quali sono le limitazioni nell’utilizzo di un’auto storica. Ovvero: nel momento in cui stipulo una polizza che esclude nella copertura i danni a veicoli “utilizzati nell’esercizio di attività lavorativa incompatibile con la definizione di veicolo storico” cosa si intende?

    27. ho una vespa d’epoca e l’assicurazione mi chiede per assicurarla che la moto sia stata restaurata come l’originale, devo quindi documentare tutto sia con dichiarazioni e foto allegate.
      Mi chiedo se questo e normale, la mia moto è perfettamente funzionante, ha solo dei graffi ed è in regola con la revisione.
      In caso contrario mi fanno la polizza a costi di una normale moto, ossia devo pagare di più?

    28. salve,ho un autocarro (furgone < 35 q.li) per uso proprio e lo vorrei assicurare come veicolo storico. Lo posso usare per spostamenti personali/trasporti di cose proprie? Grazie.

    29. Pasquale: l’autocarro è iscrivibile generalmente a partire dal compimento dei 20 anni, e la stessa regola vale per le assicurazioni. Ad ogni modo ogni registro storico e ogni assicurazione opera con criteri differenti, per cui dovrà informarsi direttamente dove intende iscriversi e assicurarsi.

      Francesco: molto dipende dalla regione di residenza. Per la sua Vespa ci sono molte soluzioni, può contattarci a iscrizione@rivs.it per avere informazioni più precise

    30. Salve vorrei assicurare la mia moto d’epoca iscritta regolarmente al registro storico, la moto è una vespa px 150 ed ha più di 30 anni. Prima avevo l’assicurazione e pagavo 115 euro l’anno, per una volta che non lo fatta non mi hanno assicurato più. Mi potete aiutare ad assicurare la mia moto? Grazie.

    31. Sto comprando un autocarro immatricolato ottobre 1993, quanto devo aspettare per ottenere il certificato di storicità? Posso comunque richiederlo?

    32. Salve Oronzo,

      purtroppo per gli autocarri le opzioni che il mercato offre sono davvero poche, visto che molto spesso proprio gli autocarri sono utilizzati impropriamente a scopi professionali pur essendo assicurati come veicoli storici. Se è iscritto ASI provi con Groupama o chieda al precedente proprietario

    33. Salve, mi piacerebbe avere notizie su assicurazioni autocarri d’epoca, ho comprato un defender 90 nel 1990, già iscritto asi dal vecchio proprietario e non trovo assicurazioni per autocarri. Perché fanno consumare soldi alle persone e poi non fanno le assicurazioni?

    34. Salve Carmine,

      dipende dalla cilindrata, ma credo possa trovare di meglio anche senza ASI. Cordiali saluti

    35. Salve ho una vespa del 78′ che nn è iscritta all’ASI sono andato in agenzia dove posso assicurarla per 230 euro circa all’anno secondo voi mi conviene di più iscriverla all’ASI? Grazie in anticipo

    36. Caro Pierluigi

      I ciclomotori sono sempre più difficili da assicurare come storici, questo (a nostro avviso) per due motivi:
      – non ci sono risparmi come per altre categorie (il premio “normale” di un cinquantino non è come il premio normale di un auto) e pertanto le compagnie prendono poco in considerazione questa categoria, non riservando prodotti adeguati
      – i cinquinatini spesso sono guidati da giovani tra i 14 e i 18 anni di età, categoria molto più esposta al rischio rispetto ai guidatori esperti

      provi comunque a fare un tentativo con Aviva e Genertel.

      Cordiali saluti
      STAFF RIVS

    37. Buongiorno , un Fiat Dayli che ha 30 anni , lo posso assicurare come veicolo storico ?

    38. Salve,
      ho una Vespa HP 50 del 1993.
      Mi sono rivolto al RIVS per l’iscrizione e successiva assicurazione ma finora ho ricevuto notizie contraddittorie anche dallo stesso motoclub.
      A volte mi dicono che la vespa può essere iscritta, altre volte che il 50ino deve essere 30ennale.
      Vorrei sapere se puoi chiarire questa cosa.
      Grazie

    39. Ciao, ho una vespa già iscritta all’ASI, ed un’altra moto che sto provvedendo all’iscrizione, quale compagnia assicurativa in Campania ha convenzione con ASI?

    40. @ marco: generalmente non è possibile utilizzare per scopi professionali un veicolo assicurato come storico. Ad ogni modo la cosa varia a seconda del prodotto assicurativo scelto.

    41. buonasera, vorrei comprare una macchina del 1991, di grossa cilindrata e il passaggio di proprieta’ costa troppo, quale è la procedura piu veloce x iscrivere il mezzo all’asi x pagare un passaggio di proprieta piu decente e usufruire dei sgravi assicurativi?

    42. Be io penso che come al solito viviamo in italia e le compagnie assicurative fanno i porci e como loro perché nessuno le controlla o gli dia una tirata d’orecchio ad esempio alcune rinnovano le polize ma non le effettuano ad nuovi iscritti questa è discriminazione in poche parole questa è l’italia e parliamo di iscrizioni asi o fmi quindi un conducente di un veicolo d’epoca che vuol far valere i suoi diritti cosa deve fare e poi è stupido e truffaldino l’iscrizione a queste associazioni che mi devono attestare che il mio veicolo ha 20 per mm pagare la tassa il nostro libretto di circolazione a cosa serve?

    43. ciao…ma se ho un auto d’epoca iscritto asi…l’assicurazione che dovrebbe essere di 130 euro circa,ma ho il vincolo che posso guidarla solo io??

    44. Grazie per la risposta volevo chiederle perche il certificato storico del RIVS non accettato dagli uffici provinciali, e richiedono quello dell’asi?

    45. Salve VINCENZO,
      hai ragione, le assicurazioni fanno problemi, ma le fanno anche per auto normali che non sono “particolari” cioè rare o sportive potenti, ecc. Esiste un apposito elenco.
      Comunque ti consigliamo di contattare un autoclub della tua zona perché loro sono gli unici ad essere aggiornati su quello che ogni anno cambia!

    46. salve,io dovrei acquistare un patrol 2.8 del 1989 con 53kw..è omologato come autocarro!!leggendo in giro per internet mi dicono che le compagnie assicuratrici fanno problemi a riconoscere assicurazioni a questi mezzi storici con le agevolazioni del caso..cosa posso fare?
      esiste un modo?
      oppure l’unica alternativa che ho è riconvertire da autocarro ad autovettura?
      oppure iscrivere un mezzo che abbia 26 anni e un minuto dopo iscrivere l’autocarro per avere le stesse agevolazioni?
      esiste un altro modo?
      grazie!!

    47. Salve vorrei gentilmente sapere se sul libretto riporta anno prima immatricolazione il solo anno 1984 in germania, reimmatricolata in italia giugno 1995, quale vale per poter usufruire del beneficio come storica?vi ringrazio anticipatamente

    48. Salve RAFFAELE NOTO,
      si, solitamente si può ma solo un autoclub federao ASI può darti tutti le delucidazioni in merito. Contatta anche il RIVS.

    49. SI PUO’ ASSICURARE UN VEICOLO STORICO?(PULMINO VENT’ANNI)CI SERVE PER LA SCUOLA CALCIO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA.

    50. Salve DANIELE,
      purtroppo il settore dei mezzi d’epoca cambia continuamente: da un anno con l’altro cambiano le cose soprattutto a causa dell’autonomia delle assicurazioni.
      Solo e unicamete un autoclub federato ASI può darti tutte le info più aggiornate, e spesso sono convenzionati con compagnie assicurarive che non hanno problemi a stipulare assicurazioni mirate per i mezzi.
      In bocca al lupo per la tua band.

    51. Buongiorno a tutti,
      in questo periodo dovrei acquistare un FIAT DUCATO MAXI tetto alto passo lungo(furgonato) del 1985, che poi utilizzerò per la mia band (quindi non per lavoro). Vorrei sapere alcune cose:
      1. devo iscrivere per forza il mezzo ad ASI o altro AUTOCLUB???
      2. il mezzo può essere sempre utilizzato, oppure lo posso usare solo per raduni?? ci posso fare cosa voglio??
      3. che caratteristiche deve avere il furgone?? deve essere in perfetto ordine di motore e carrozzeria??
      4. dai vostri precedenti interventi ho letto che molte compagnie non trattano + mezzi d’epoca, sapete consigliarmi una compagnia assicurativa che faccia SICURAMENTE questo tipo di polizza??

      GRAZIE MILLE

      DANIELE

    52. sto cmprando un camper del 1982 posso usufruire del assicurazione come se fosse mezzo d’epoca?

    53. il sottoscritto non trovava la assicurazione per una golf 1800- da 20anni ne ho provate una ventina tramite conoscenza ho trovato la rivs di padova che mi ha fatto la tessera per 65 euro e assicurazione per 235 euro e bollo di 28,5 euro tramite aci – sono contento chi e’ interessato puo’ tentare di telefonare per inserirsi dentro- saluti da ferraresso gianni- ciao

    54. salve a tutti. sono proprietario di un Fiat Ducato Cassonato immatricolato nel mese di Ottobre 1982 ed è isritto ASI dal 2006 e sempre assicurato con la copagnia TORO. Quest’anno la Toro unilateralmete mi ha disdettato la polizza poichè non assicurano più gli autocarri.Sapete dirmi qualche compagnia assicurativa che stupula polizze per autocarri storici a tariffe vantaggiose?? Grazie.

    55. Salve GIANMATTEO,
      solitamente è possibile, ma per fugare ogni dubbio ti consigliamo di rivolgerti direttamente all’auto club che gestirà la pratica per l’iscrizione ASI.
      Saluti

    56. Salve, sto acquistando un discovery che ha appena compiuto 20 anni, la mia preoccupazione è che è stato riverniciato con un colore non originale, è possibile comunque avere l’attestato di storicità per la riduzione dell’assicurazione?

    57. Salve RAFFAELE,
      come specificato dall’ASI e da alcune compagnie che hanno stipulato convenzioni con questa associazione, l’iscrizione deve essere fatta per il tramite di un auto club, il quale richiede un tesseramento annuale. Per cui la regola generale è che il proprietario del veicolo abbia fatto anche l’iscrizione presso un auto club.
      Saluti.

    58. Salve NICOLA,
      a noi risulta che sia ancora obbligatorio, ma per una maggiore precisione ti consigliamo di contattare un auto club.
      Saluti.

    59. Salve MARIO,
      la mancata attestazione di storicità o di mezzo d’epoca è consentita solo per avere l’esenzione dal pagamento del bollo.
      Per avere un’assicurazione a prezzi ridotti è invece necessario ottenere l’attestato di storicità del mezzo rilasciato dell’ASI tramite i vari auto club nazionali. In alternativa, se non vuoi iscriverla all’ASI, potesti contattare il RIVS (www.rivs.it).
      Saluti.

    60. Salve MIC,
      non siamo in grado di rispondere a questa domanda, poiché sono le singole regioni che prevedono accordi con il Rivs. A questa domanda possono risponderti direttamente i referenti del Rivs, gli unici in grado di sapere come si comporta le regione Lazio.
      Saluti.

    61. Salve DAVIDE,
      ormai non puoi più utilizzare la classe di merito di tuo fratello, in quanto risulta che il veicolo è già stato assicurato a tuo nome. Il Bersani si applica quando devi assicurare per la prima volta a tuo nome un veicolo nuovo o usato che sia.
      Saluti.

    62. Salve FABIO,
      attualmente è in vigore la normativa relativa ai vent’anni dalla prima immatricolazione. I 25 anni sono stati inclusi in una proposta che finora non ha trovato applicazione.
      Saluti.

    63. Salve, ho una Vespa PX 150, del 1882.
      Il mezzo ha praticamente 30 anni, e per questo potrei benissimo usufruire di un’assicurazione senza iscrivere la vespa ad alcun registro storico?

      Per cortesia è urgente, ho girato varie assicurazioni e tutte mi hanno detto che senza l’iscrizione non posso fare l’assicurazione, ma ho sentito dire che ciò vale per i mezzi compresi tra i 20 e i 30 anni.
      Se per cortesia c’è una legge, potreste riportarla tra le righe qual’è?
      Grazie in anticipo!

    64. salve,
      ho appena letto su internet che non è piu obbligatorio rinnovare la tessere ASI per rinnovare la polizza assicurativa. e vero??

    65. salve…io ho 1 fuoristrada anno 1987.il mezzo è già storico,ha già il tagliandino ufficiale dell’asi,che certifica la sua storicità.per le assicurazioni,alcune chiedono di 1 eventuale iscrizione presso 1 club storico(1oo euro),altre invece basta solo il certificato dell’asi!!chi dobbiamo seguire??bisogna pagarla per forza questa iscrizione presso 1 club storico oppure possiamo evitare e farla solo con il certificato asi??dilemma… 🙂

    66. vorrei saper se con il certificato di storicità riasciato dal RIVS è valido ai fini del pagamento del bollo per la regione lazio. Mi faccio questa domanda perchè sul sito dell’aci si parla esclusivamente dell’ ASI e FMI.
      Grazie e Saluti.

    67. volevo chiedere:avendo un veicolo autocarro gia certificaoi rivs e con assicurazione stipulata gia da un anno con classe di merito 13″(gropama),posso usufruire della legge bersani utilizzando la classe di merito di mio fratello?grazie anticipatamente
      saluti
      Davide

    68. Salve ho un mercedes SL 320 del 1993, vorrei sapere se nel 2013 diventa Storica? o è passata la legge dei 25 anni! Grazie

    69. Salve SUZUKI,
      la storicità di un’auto parte dalla data presente sul libretto relativa alla prima immatricolazione.

      Avendo più di 30 anni il bollo diventa tassa di circolazione e non più di possesso, per cui se l’auto non viene utilizzata si può anche non pagare il bollo, se invece la vettura è circolante, allora bisogna pagare la tassa di circolazione (bollo).

      Per quanto riguarda l’assicurazione per auto storiche: ultimamente sempre meno compagnie assicuratrici concedono tale “privilegio”, ma l’elemento indispensabile richiesto dalla maggior parte delle compagnie è l’iscrizione ASI.
      In alternativa potresti contattare il Rivs (www.rivs.it) o altri registri e associazioni che abbiano stipulato delle convenzioni con le società assicuratrici.
      Saluti.

    70. Salve,
      ho appena acquistato un vecchio suzuki lj 80 importato in Italia nel 1987 ma immatricolato la prima volta all’estero nel 1980.

      Vorrei capire innanzitutto se l’età della mia auto è da conteggiare a partire dal 1980 o dal 1987, io credo dal 1980 o sbaglio?

      In tal caso, avendo più di 30 anni credo che sia esente dal pagamento del bollo senza dover fare alcuna richiesta o comunicazione, è corretto?

      In ultimo, è possibile ottenere una assicurazione come auto storica pur non essendo iscritta all’Asi? Cosa dovrei fare?

      Grazie in anticipo

    71. Salve ANDREA,
      grazie per la segnalazione. Da parte nostra non possiamo esprimere pareri o giudizi in quanto non conoscevamo questa associazione. Ti saremmo grati se volessi condividere la tua esperienza, dopo averli contattati.
      Grazie.
      Saluti.

    72. Come alternativa alle più conosciute Asi ed FMI e RIVS ho trovato la FIVS che, a quanto pare offre un servizio assicurativo anche ai ciclomotori (cinquantini) oltre alla tessera di iscrizione e il certificato di storicità.
      Ho interzione di provare. Qualcuno di voi o gli amministratori la conoscono o hanno già avuto esperienze su questa federazione?
      Andrea.

    73. Salve STEFANO,
      oggigiorno è diventato difficile trovare delle compagnie disposte ad assicurare veicoli d’epoca, per cui per avere maggiori informazioni ti consigliamo di consultare direttamente il sito dell’ASI, oppure di rivolgerti all’auto club più vicino alla tua zona di residenza, basta fare una ricerca su internet.
      Saluti.

    74. Buongiorno
      sono in possesso di un iveco daily del 1991 (furgone doppia cabina 7 posti).
      Vorrei sapere se si puo’ assicurarlo asi o se ci sono dei problemi.
      Il furgone non viene usato per lavoro.
      Esistono dei vincoli di guida?(solo una persona,illimitato???)
      Io sono di Treviso.Da chi posso informarmi in zona?
      Grazie

      Stefano

    75. Salve MARCOM,
      in caso di richiesta di foto del motoveicolo, l’FMI potrebbe rifiutarsi di rilasciare l’attestato di storicità. Per avere delle informazioni più dettagliate sarebbe il caso di consultare un motoclub, magari esibendo il veicolo o alcune foto.
      Saluti.

    76. Salve,
      dovrei entrare in possesso di una moto del 1982, non originale in tutte le sue parti.
      Nonostante cio’, potro’ usufruire di agevolazioni come mezzo storico/epoca?
      Su questo punto l’FMI so che è molto rigida e fiscale.
      Grazie in anticipo.

    77. Salve VALERIO,
      ti consigliamo di leggere il commento di Andrea del 9/11/2011, nella sezione “assicurazione auto storica”.
      Grazie.
      Saluti.

    78. Mio padre possiede una Opel Kadett B 1.100 del 1970 iscritta all’ASI. Alcuni giorni fa ha ricevuto una raccomandata da parte della compagnia assicuratrice (ZURICH) la quale comunica che non intende più rinnovare il contratto. Mi sapete consigliare una compagnia che assicura ancora auto d’epoca?
      Vi ringrazio in aticipo

      Valerio

    79. Salve ALBERTO,
      solitamente non vi sono limitazioni particolari, a meno che non siano riportate nelle condizioni di polizza e nel contratto. Per questo, prima di stipulare una assicurazione per moto storiche è necessario chiedere specifiche informazioni all’agente assicuratore.
      Alcune limitazioni potrebbero riguardare le città in cui viene applicata la limitazione della circolazione ai veicoli che non rispettano le attuali norme antinquinamento.
      Saluti.

    80. Salve,
      Che tipo di limitazioni possono essere imposte ad una moto assicurata come mezzo storico?
      Non si può circolare liberamente quando si vuole?
      Grazie in anticipo per la risposta.
      Saluti, Alberto.

    81. Salve ANDREA,
      il sito Rivs è un sito autonomo e non ha collegamenti con questo sito.
      Noi ci premuriamo soltanto di riportare alcune informazioni che riteniamo utili per gli assicurati. Le segnalazioni vanno pertanto comunicate sul sito Rivs e non in questo sito.

      Il Rivs è una valida alternativa alla possibilità di assicurare un veicolo storico senza usufruire della convenzione ASI-compagnie assicuratrici. Probabilmente esistono altre associazioni o Registri che offrono polizze più vantaggiose, di cui noi non siamo a conoscenza a causa della poca pubblicità.
      Il consiglio che possiamo dare è quello di effettuare una dettagliata ricerca in internet.
      Saluti.

    82. Salve, ho riprovato a compilare il modulo sul sito RIVS poco fa ma per i ciclomotori sotto i 600cc da solo il costo della tessera mentre inserendo motocicli sempre sotto i 600cc calcola anche l’eventuale polizza.
      Secondo voi hanno tolto la possibilità di assicurare i ciclomotori?
      Ho inviato nuovamente una e-mail sperando in un chiarimento.
      In alternativa ci sono altre opzioni per poter assicurare una Vespa 50 23enne senza asi o fmi?
      Grazie.
      Andrea.

    83. Salve ANDREA,
      probabilmente il sito Rivs potrebbe avere dei disguidi tecnici. Solitamente funziona normalmente, in quanto altri assicurati hanno riportato soddisfazione nel servizio ricevuto.
      Prova a inoltrarne un’altra a titolo di sollecito.
      Saluti.

    84. Salve,
      ho provato a compilare il modulo sul sito RIVS.it per un preventivo sulla mia vespa Pk 50 Xl Rush 1988 ma selezionando una cilindrata inferiore a 600 mi da solo il costo del tesseramento. Ho anche inviato una mail per sapere cosa fare ma non ho ricevuto risposta. Ho anche inviato una mail al sito motochirone.it citato in un altro post ma neanche da loro nessuna risposta. Come se non bastasse ho provato a contattare assicurazionistoriche.it di cui si parla sul sito RIVS e il messaggio mi torna indietro email inesistente. Non so che pensare…
      Andrea.

    85. SALVE
      ALLORA VORREI DELUCIDAZIONI DA ALFREDO CHE RINGRAZIO PER IL SUO INTERVENTO E CHE PENSO SIA COMPETENTE SICURAMENTE PIU’ DI ME E DA CHIUNQUE ABBIA CONOSCENZE FONDATE IN MATERIA ASSICURATIVA.
      PREMESSA:I VEICOLI STORICI NON DEVONO PER FORZA ESSERE USATI SOLO PER SFILATE O MANIFESTAZIONI .PER DEFINIZIONE SONO VEICOLI CHE AVENDO I REQUISITI PREVISTI OSSIA RISPETTANDO L’ORIGINALITA’ COSTRUTTIVA E AVENDO ALMENO 20 ANNI SONO CLASSIFICATI DI INTERESSE STORICO(LO DICE LA LEGGE).ANCHE LE ASSICURAZIONI NON PREVEDONO USO RISTRETTO AD EVENTI PARTICOLARI AD ESCLUSIONE DELL’USO PROFESSIONALE.DETTO QUESTO SE UNA COMPAGNIA EMANA UNA NOTA INFORMATIVA IN CUI LA POLIZZA STORICA PUO’ ESSERE STIPULATA SE IL VEICOLO HA 20 ANNI,E’ISCRITTO IN UN REGISTRO UFFICIALE E SE NON E’ RIPORTATO ESPLICITAMENTE CHE LA DIREZIONE DELLA COMPAGNIA SI RISERVA LA FACOLTA’ DI STIPULARE TALE POLIZZA,IO PENSO ANZI SONO CONVINTO CHE LA COMPAGNIA DEVE PER FORZA STIPULARLA !SE NON LO FA STA ABUSANDO,STA ANDANDO CONTRO OGNI REGOLA!TALI COMPAGNIE SARANNO LIBERE DI NON STIPULARE ,DI PORRE LIMITAZIONI,ALZARE L’ETA’ MINIMA DELLE STORICHE ECCETERA SOLO QUANDO AVRANNO INTEGRATO I LORO FASCICOLI INFORMATIVI CON TUTTE LE LORO BELLE LIMITAZIONI…
      SE STO SBAGLIANDO PER FAVORE DATEMI NOTIZIE REALI E CORREGGETEMI…GRAZIE SALUTI

    86. Salve ALFREDO,
      ti ringraziamo per il prezioso e puntuale contributo.
      Siamo certi che chiarirà le idee a molti assicurati-utenti.
      Saluti.

    87. buon giorno a tutti mi trovo completamente d’accordo con il signor Fabio bisogna fare qualcosa a fin di bene per noi amatori di vecchie auto….ho in programma di ritirare 2 citroen 2 cavalli e una meari ma a questo punto nn so più cosa fare…è veramente spiacevole questa situazione delle assicurazioni che nn vogliono più assicurare queste belle vetture che fanno un pò sognare e del resto in italia nn c’è rimasto che sognare..purtroppo.

    88. buongiorno, scrivo nuovamente per aggiornare la situazione di Ciro.
      Ho provveduto a richiedere una verifica sulla posizione del Socio ed ho già comunicato con lui via mail.
      entro un paio di giorni, aggiornerò la posizione.
      Se ci fosse stato un errore, sono sin d’ora disponibile a formulare le scuse ufficiali al Sig. Ciro…. Attendo notizie dall’Agenzia che emette i contratti.
      Ho discusso a lungo anche con la Compagnia in merito alle modalità operative ed in risposta a FABIO, segnalo quanto riferitomi.
      ISVAP impone l’obbligo a stipulare contratti assicurativi alle Compagnie come da tariffe pubblicate e disponibili sui siti istituzionali come da direttiva dei Decreti Legge (ora mi sfuggono i dettagli e numero di articolo)
      I veicoli storici, sono considerati veicoli “atipici” che “dovrebbero” essere utilizzati da collezionisti per partecipare a sfilate ecc……
      Le Compagnie assicuratrici “possono”, con flessibilità o tariffe mirate, riservare delle condizioni specifiche per tali veicoli in considerazione del particolare uso.
      ISVAP non prevede in alcun modo queste agevolazioni, ma sono le compagnie che decidono “commercialmente” se e come operare in un settore sempre meno remunerativo.
      Con l’entrata nelle “ventennali” di panda e jeep…. con tutto il rispetto per la storia della panda….
      L’uso di questi veicoli è quasi sempre quotidiano e…. di conseguenza…. qualche sinistro inizia ad aggravare un rapporto sinistro/premi (così lo definiscono le assicurazioni) rendendolo assicurativamente parlando insostenibile.
      La Compagnia, non essendo obbligata a stipulare contratto storici, è libera di non riservare più agevolazioni per tali mezzi.
      Cosa differente è sostenere che l’Assicurazione si rifiuta di sottoscrivere un contratto assicurativo. In questo caso si tratterebbe di violazione della Normativa e l’ISVAP dovrebbe intervenire.
      In definitiva, se la Compagnia si rifiuta di stipulare un contratto (leggasi nomale R.C.A.) è sanzionabile. Se si rifuita di stipulare un contratto storico (anche per vetture ASI ed FMI) non è sanzionabile in quanto sono condizioni che commercialmente la stessa decide di riservare a propria discrezione (ASI o non ASI) ed in via commerciale è facoltà delle parti recedere dal contratto o variare liberamente le condizioni riservate con hanno già fatto molte Compagnie.
      Sara Ass.ni ad esempio ha appena elevato l’età minima di ingresso a 30 anni!!!
      Insomma l’assicurazione storica è una bella possibilità, non un diritto……

    89. Complimentandomi con l’amministratore di questo sito,voglio lanciare un appello a tutti i possessori di veicoli storici ed in particolare a quelli del sud.
      Vi sono almeno quattro copmpagnie assicuratrici di una certa rilevanza che offrono tra i loro prodotti quelli per auto storiche;le condizioni di polizza storica di queste compagnie prevedono unicamente l’iscrizione del veicolo all’ASI o registri ufficiali
      ed eta’ dello stesso veicolo a partire dai 20 anni;Quindi dovrebbero “per forza ” stipularle queste benedette polizze;ma non lo vogliono fare ,ed e’ abitudine ormai delle agenzie di queste compagnie(specie al sud) di rispondere che loro non ne fanno piu’ oppure che il veicolo deve avere 30 anni
      Abusano della credulita’ e della buona fede delle persone alle quali spetterebbe la polizza.Voglio dire solo di inoltrare a raffica reclami ,prima alle compagnie e poi all’ISVAP.Solo cosi’ si sblocchera’ la situazione che sara’o in bene o in male ……ma che non ci prendano piu’ per i fondelli! Facciamoci sentire! grazie

    90. buon giorno signor Amministratore come dice lei nn voglio denigrare ssolutamente nessuno e nn sapevo neanche che nn si potessero fare nomi di club i che mi sembra strano io sono socio di altri club che nulla centrano con le auto d’epoca e si parla tutti i giorni dei vari club,nn vedo perchè il signor Alfredo se la sente così tanto sono molto dispiaciuto per il signor Alfredo io nn ho nessun problema a rimanere nel suo club anzi dovevo iscrivere anche una fiat 1300 del 1962.

    91. buon giorno signor Alfredo nn pensavo di fare nulla di male anche perchè ero ben felice e contento di far parte del club le nonnette ruggenti e comunque penso che lei dovrebbe sapere chi sono anche perchè giustamente come dice lei su un forum nn si può dire tutto chiaramente!però se lei mi autorizza a dire cosa realmente è successo per quanto riguarda la mia polizza allora magari si vedrà in realtà cosa è successo.di una cosa per me bella è diventa una realtà infelice mi dispiace molto se si sente magari offeso ma si immagini come io mi sento.comunque di certo nn voglio che diventi un affare di stato e neanche le posso fare i nomi di chi ha stipulato la mia polizza però le mando il tutto sulla sua imail e nn se la prenda si tratta solo di fare un pò di chiarezza.la saluto e le auguro una buona giornata.

    92. Salve ALFREDO,
      grazie per la puntuale e utile precisazione.
      Sicuramente avere dei dettagli aggiuntivi riguardanti le condizioni assicurative offerte dalle singole compagnie assicuratrici, accrescerà il possesso di informazioni di molti utenti-assicurati.

      Nel nostro intervento, in risposta al commento del Sig. Ciro, crediamo di aver dimostrato correttezza e professionalità, invitando il medesimo a contattare ulteriormente la compagnia o i referenti del club, al fine di ottenere informazioni più precise e veritiere.
      Tuttavia il Sig. Ciro non ha denigrato o contestato l’operato della compagnia assicuratrice o del club federato, bensì ha solo chiesto un parere circa l’accaduto, senza esprimere giudizi che avrebbero potuto minare l’onorabilità dei soggetti indicati.
      Certi della buona fede del Sig. Ciro, ci auguriamo che si metta in contatto con voi per ricevere informazioni più esaurienti.
      Grazie.
      Saluti.

    93. Buongiorno, premesso che sono ospite del forum, scrivo a nome de “LE NONNETTE RUGGENTI” Club di auto e moto d’epoca in prov. di Como.
      Premesso che non è corretto in un forum pubblico indicare nomi ecc. , scrivo per rispondere a CIRO…
      L’informazione che CIRO porta a questo forum è solo parzialmente corretta.
      Sarebbe carino sapere con chi ha parlato…. Chi ha riferito del cambiamento?? Agenzia ACI o sede Club…. e soprattutto (visto che stiamo giocando a carte scoperte) il nome corretto affinche io possa (QUALE RAPPRESENTANTE DEL CLUB) effettuare delle verifiche.
      Per correttezza di informazione, la compagnia Groupama richiede ora esclusivamente l’iscrizione ASI/FMI. Per i Nostri Soci, abbiamo avuto una deroga purchè i veicoli circolino in determinate zone con sinistrosità “favorevole” alla compagnia.
      Il Sig. “CIRO” dovrebbe sapere che la pubblicità su un forum (positiva o negativa che sia) può essere molto pericolosa in modo particolare per i soggetti indicati.
      Prego inviare i dati (meglio se pubblicamente….. se non c’è nulla da nascondere) e faremo il possibile per risolvere il problema.
      in alternativa l’indirizzo del club per l’invio di quanto richiesto è : info@lenonnetteruggenti.it.

      X LE NONNETTE RUGGENTI
      ALFREDO

    94. Salve FRANCESCO,
      è una questione controversa e di difficile soluzione.
      L’ASI richiede l’anno di immatricolazione presente sul libretto, quindi ci sono poche possibilità di far valere l’anzianità sulla base dell’anno di produzione.
      Saluti.

    95. Salve FABIO,
      a causa delle continue richieste assicurative per veicoli storici (ormai molti italiani acquistano auto con più di 20 anni per risparmiare sella assicurazioni) molte compagnie si rifiutano di stipulare contratti assicurativi. La Campania si è distinta tra le altre regioni, per essere quella con il maggior numero di agenzie che non ammettono la possibilità di assicurare auto storiche con polizze vantaggiose. A questo punto si rende necessario un intervento dell’ISVAP.
      Saluti.

    96. Salve a tutti,
      io avrei un problema. Ho acquistato una jepp wrangler che risulta essere prodotta nel 1991 (ho controllato dal numero di telaio). La data di prima immatricolazione riportata sul libretto è però il 1994 (avvenuta in germania). E’ possibile che un’auto rimanga 3 anni senza essre immatricolata? Ai fini di esenzione bollo e agevolazioni assicurative posso far valere l’anno di produzione?

    97. Grazie per la risposta
      Avrei ancora una questione da sottoporvi.
      In particolare,leggendo i fascicoli informativi di due compagnie in particolare(non so se posso fare nomi),si legge che le loro polizze per veicoli storici possono essere stipulate appunto se il veicolo e’ iscritto in uno dei registri ufficiali e il proprietario ovviamente e’ tesserato ,senza quindi ulteriori certificati e requisiti..
      Ebbene le agenzie della mia zona ,Campania, si rifiutano lo stesso…dicendo che occorrono 30 anni di eta’oppure che loro non le fanno piu’….ma come e’ possibile?
      Ho inoltrato reclamo alle sedi centrali e lo inoltrero’ in caso di continuo rifiuto,all’ISVAP.E specifico che i fascicoli informativi sono relativi a quest’anno e non a 10 anni fa !!!!
      ho sentito minimo 10 agenzie e tutti si rifiutano! pensate che io abbia ragione?
      Grazie mille e saluti

    98. Salve CIRO,
      le assicurazioni possono essere stipulate anche se una persona risiede in una provincia o in una regione differente dal luogo in cui si trova l’agenzia, ma probabilmente le regole interne di quella compagnia non prevedono tale possibilità.
      Sicuramente ci saranno anche altre motivazioni, per cui ti consigliamo di chiedere maggiori informazioni agli interessati.
      Saluti.

    99. salve ho una ritmo 130 tc abarth del 1986 che ho assicurato tramite una agenzia aci di como con iscrizione al club le nonnette ruggenti e fin qui tutto bene ma quando ho chiesto di pagare alla scadenza per il rinnovo mi hanno detto che essendo fuori dalla zona…..(si intende zona tra milano dove risiedo e como dove appunto ho assicurato l’auto)…. nn possono più assicurarmi l’auto è giusto oppure no?..(mai iscritta asi).grazie.

    100. Salve FABIO,
      queste richieste sono a discrezione delle compagnie assicuratrici, le quali spesso richiedono alcuni certificati proprio per limitare la concessione delle polizze per auto storiche. Ti converrebbe contattare un’altra agenzia assicurativa.
      Saluti.

    101. SALVE AVREI UNA DOMANDA
      MOLTE COMPAGNIE RICHIEDONO PER STIPULARE UNA POLIZZA STORICA IL CERTIFICATO DI RILEVANZA STORICO E IL CERTIFICATO DI IDENTITA
      IL PRIMO VA BENE, BASTA ISCRIVERE L’AUTO ALL’ASI E TE LO RILASCIANO ; SECONDO LA CIRCOLARE 04 OTTOBRE 2010 E’ L’UNICO DOCUMENTO CHE ATTESTA LA STORICITA’ DEL VEICOLO.MA IL SECONDO?E’ SEMPRE RILASCIATO DALL’ ASI MA NON HA ,PROPRIO PER LA CIRCOLARE MENZIONATA, ALCUN VALORE LEGALE.
      PERCHE’? LO POSSONO FARE?

    102. Salve UMBERTP,
      tutte le informazioni da te richieste potranno esserti fornite recandoti presso un auto club. Per trovare quello più vicino alla tua zona di residenza basta effettuare una ricerca su internet, poiché noi non possiamo conoscere le centinaia di auto club sparse su tutto il territorio nazionale.
      Saluti.

    103. SALVE IO O UN CAMPER DEL 1981 VOLEVO SAPERE CHE COSA DEVO FARE X ISCRIVERLO PER PAGARE ASSICURAZIONE D EPOCA COMPRESO ESENZIONE DI BOLLO GRAZIE E QUALI SONO I PUNTI PIU VICINI A ROMA ZONA LUNGHEZZA GRAZIE

    104. Salve CICCIO,
      è diventata un’impresa ardua trovare un’assicurazione propensa ad assicurare i mezzi storici, comunque le compagnie convenzionate con ASI ed FMI sono quelle appartenenti al gruppo Toro-Lloyd italico.
      Saluti.

    105. salve aiutatemi,ho registrato il mio vespone del 1986 presso fmi,ma non trovo 1 assicurazione che me lo assicura,come posso fare,esiste 1 assicurazione che lo assicura ?mi fate sapere quale?.grazie in anticipo

    106. Salve ENZO,
      gli sconti per auto storiche sono frutto di accordi che alcune compagnie hanno stipulato con l’ASI o con il Rivs. Le altre assicurazioni non prevedono a livello contrattuale la possibilità di stipulare assicurazioni per auto storiche, quindi applicano le tariffe per auto normali, cioè senza sconti.
      Saluti.

    107. salve, da quanto ho capito o ASI, o RIVS, comunque devi iscriverti da qualche parte, assicurazioni che facciano degli sconti solo peche si ha auto oltre i 20 o 30 anni non c’è ne sono? grazie

    108. Salve EZIO,
      dopo 20 anni un veicolo può essere dichiarato di interesse storico, in seguito ad iscrizione presso un auto club e quindi all’ASI. Oggigiorno vi sono però degli ostacoli all’applicazione delle agevolazioni previste per i veicoli storici, in quanto le compagnie assicuratrici hanno notevolmente ridotto la possibilità di assicurare qualsiasi veicolo (purché ventennale) a condizione più vantaggiose.
      Bisogna avere molta fortuna!!!
      Saluti.

    109. Salve, sono di Torino, mio padre possiede una Audi 80 S del marzo 1990 in ottime condizioni. Se ho ben capito, visto che non penso vi siano ancora molti esemplari in circolazione, rientra nelle auto storiche e l’assicurazione potrebbe/dovrebbe applicarmi la tariffa agevolata. Grazie

    110. Salve ENZO,
      dopo 20 anni, ma prima dei 30, un’auto può essere dichiarata “storica”. Per la dichiarazione di “auto d’epoca” devono trascorrere almeno 30 anni dalla data di prima immatricolazione.
      Per le differenze tra l’una e l’altra dichiarazione ti consigliamo di leggere i vari articoli presenti in questo sito.
      Saluti.

    111. ho una punto cabrio di 22 anni provincia di avellino,vorrei sapere se potrei farla d’epoca.

    112. Salve GIANNI,
      solitamente per usufruire delle convenzioni stipulate tra ASI e compagnie assicuratrici è necessario pagare ogni anno la quota associativa ASI, e di conseguenza l’appartenenza ad un auto club. Tuttavia per quanto riguarda la copertura assicurativa ci si deve basare sulle condizioni contrattuali, quindi è necessario osservare quanto riportato in polizza o, meglio ancora, chiedere informazioni dettagliate alla propria compagnia assicuratrice.
      Saluti.

    113. Possiedo una Triumph Spifire del 1978 , certificata ASI attraverso un Auto club al quale sono stato iscritto fino a 2 anni or sono.
      Continuo ad essere assicurato con la stessa Compagnia RCauto : è obbligatoria la continuità d’iscrizione Asi o Club autostoriche o sono comunque coperto anche senza iscrizione ?
      Nel contratto c’è scritta solo l’obbligatorieta’ della certificazione ASI….
      grazie

    114. Salve FRANCESCO,
      solitamente non è possibile. L’unico ente che permette di avere delle polizze a prezzi ridotti senza iscrizione all’ASI è il RIVS (www.rivs.it), ma è necessario controllare se è operativo nella tua regione di residenza.
      Saluti.

    115. ho una 126 personal del 1976 e vorrei assicurarla come macchina d’epoca pero’ senza iscriverla a nessuna associazione asi/ecc.eccvorrei sapere se posso farlo grazie

    116. Salve ORAZIO,
      purtroppo le regioni del Sud passano sempre agli onori della cronaca per essere delle zone svantaggiate, non solo economicamente, ma a quanto pare anche dal punto di vista del trattamento assicurativo, e tutto ciò è una palese ingiustizia!
      Purtroppo, non siamo in grado di fornire i nominativi (sempre che esistano!!!) di altri enti in grado di attestare la storicità di un veicolo. L’alternativa all’ASI era il Rivs, ma visto che in Sicilia non è “operativo”, riteniamo che la tappa obbligata sia l’ASI, magari da contattare tramite l’auto club più vicino alla tua residenza.
      Saluti

    117. salve, ho un land rover discovery I serie del 1990 e vorrei usufruire dell’assicurazione storica; vettura tenuta originale e ancora perfettamente marciante; ho tentato di avere notizie tramite vari club che assicurano vetture storiche senza ASI ma qui l’Unità d’Italia va a farsi benedire perchè la Sicilia pare non ne faccia parte!
      RiVS e altri purtroppo escludono chi ha la residenza in Sicilia dalle loro proposte! ho cercato di contattare la sede ASI di Catania, ma non rispondono alle mail ( numerose) che periodicamente ho loro inviato!
      Domanda? esiste un club o altro che possa assicurarmi il mio veicolo senza dover passare dalle grinfie e dalle tariffe annuali ASI?
      Perché pur avendo la classe 1 non vengo preso nemmeno in considerazione per essere assicurato poiché risiedo in Sicilia?
      Grazie

    118. salve. ho una peugeot 205 gti gia iscritta ASI, vorrei avere un elenco delle compagnie assicurative che assicurano le auto iscritte ASI grazie

    119. Salve NICOLA,
      le compagnie assicuratrici convenzionate con l’ASI, richiedono il compimento del 20° anno dalla data di prima immatricolazione presente sul libretto, mentre l’ASI afferma che l’attestato di storicità può essere rilasciato anche dopo 20 anni dalla data di costruzione del veicolo, quindi può darsi che nel tuo caso le due date non coincidano e che l’ASI abbia preso in considerazione quella di fabbricazione, che naturalmente è anteriore a quella di immatricolazione.

      Purtroppo sono sempre più frequenti le notizie che riguardano assicurati a cui non vengono più rinnovate le assicurazioni storiche. La tendenza delle compagnie è quella di rifiutare l’acquisizione di clienti in possesso di auto storiche, e questo comportamento è ravvisabile soprattutto nelle regioni del Sud.
      Sembra che non ci siano soluzioni, anzi, si prevede che il futuro assicurativo sarà sempre più buio per i possessori di auto storiche.
      Possiamo soltanto consigliarti di contattare il RIVS (www.rivs.it)
      Saluti.

    120. una compagnia non ha voluto assicurarmi una panda gia’ iscritta all’asi perche compie 20 anni ad ottobre.è possibile?altre dicono che non le assicurano. è quasi impossibile assicurarle. puo’ indicarmi qualche compagnia sicura?

    121. Salve NATALE,
      in base a quanto stabilito dall’ASI sono considerati veicoli storici o d’epoca tutti i veicoli a motore. Poi però le compagnie assicuratrici possono porre delle limitazioni sull’utilizzo del veicolo come mezzo destinato allo svolgimento di un’attività lavorativa, quindi se intendi utilizzare il Daily per il tuo lavoro potresti incontrare il rifiuto delle compagnie assicuratrici ad assicurarlo come veicolo storico.
      Sarebbe il caso di chiedere ulteriori informazioni ad un auto club.
      Saluti.

    122. SALVE HO UN CAMION IVECO DAILY DELL 1984 QUINDI A SUPERATO I 20 ANNI ORA LA MIA DOMANDA E CHE SE POSSO USUFRUIRE DI UNA ASSICURAZIONE D ‘EPOCA ANCHE ESSENDO UN CAMION???? GRAZIE

    123. Salve PASQUALE,
      ultimamente gli aumenti hanno colpito tutti i veicoli, compresi quelli storici e d’epoca, quindi si tratta di aumenti generalizzati.
      Non siamo in grado di fornire nominativi di assicurazioni convenzionate, situate in ogni provincia italiana. Probabilmente il tuo moto club potrebbe esserti di aiuto.
      Saluti.

    124. salve ho una vespa del 1960 gia iscritta all’asi… il mio problema e’ l’assicurazione xche dove era e’ lievitata moltovolevo sapere se in prov di brindisi c’e qualche agenzia convenzionata…. grazie

    125. Salve MARIAROSA,
      sì, potrai farlo al compimento del 20° anno dalla data di immatricolazione.
      Prima di assicurarla con un’assicurazione per veicoli storici dovrai iscriverla all’ASI tramite un qualsiasi auto club, oppure tesserarti al RIVS (www.rivs.it).
      Saluti.

    126. Salve, ho una FIAT PANDA che fra 6 mesi compie 20 anni quindi vorrei usufruire di una assicurazione d’epoca , posso farlo ???????

    127. Salve ANTONIO,
      per ottenere la classe di merito di tuo fratello è necessario che risultiate nello stesso stato di famiglia che rilascia il vostro Comune di residenza. Quindi, se oltre a vivere sotto lo steso tetto avete la residenza in comune, allora potrai usufruire del decreto Bersani.
      Saluti.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    *