ATTENZIONE!
Dall’inizio del 2010 è molto difficile, ma non impossibile, assicurare un’auto (o una moto) con un costo ridotto se questa non risulta iscritta all’ASI (o alla FIM se si tratta di motocicli).
Per qualsiasi chiarimento in merito vi consigliamo di leggere l’articolo “Assicurazione veicolo storici: facciamo chiarezza”

Lasciamo comunque inalterato l’articolo originale per permettere a tutti di prendere visione di come era possibile in passato assicurare un’auto con un costo ridotto senza che essa fosse iscritta all’ASI.

auto epoca I possessori di auto d’epoca si trovano spesso in difficoltà al momento della stipula di una assicurazione per il loro mezzo storico, in quanto i requisiti necessari a sottoscrivere una assicurazione per auto storica variano da compagnia a compagnia, e quasi tutte le maggiori compagnie richiedono che l’auto, o la moto, siano registrate presso l’ASI, o alla FIM nel caso dei motocicli..

Questo non è però vero per tutte le compangie. Per alcune, infatti, è sufficente che il veicolo sia iscritto a un qualsiasi club di auto storiche. Qualora non si volesse aderire all’ASI, è quindi consigliabile rivolgersi al club di appassonati di auto storiche piú vicino per verificare se questo offre particolari assicurazioni con agenzie della zona. Un elenco aggiornato dei club italiani è disponibile qui: http://www.tuttogratis.it/motori/club_auto_d_epoca.html.


Infine, nel caso in cui non si desiderasse iscrivere la propria auto ad alcun club, è possibile trovare compagnie che hanno come unica richiesta il fatto che il veicolo sia “omologabile” dall’ASI (anche se non già iscritto), cioè che abbia superato i 20 anni d’età.

Vi sono però altri requisiti a cui chi stipula una assicurazione per auto d’epoca deve comunque sottostare. Molte assicurazioni prevedono ad esempio limitazioni nel numero di conducenti. L’auto sarà cioè coperta da assicurazione solo quando guidata da uno dei conducenti dichiarati preventivamente durante la stipula del contratto.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo e metti Mi Piace:
0

200 comments on “Assicurare un’auto storica senza essere iscritti all’ASI o ad un club”

  1. Sto per comprare una 126 e tra qualche mese la mia uaz compie 20 anni ho sentito che ci sono assicurazioni che non interessa che i veicoli siano iscritti asi ma basta iscrizione del propietario sapete dirmi quali sono?

  2. Salve,

    rispondo a tutti coloro i quali hanno chiesto delucidazioni in merito alle alternative presenti sul mercato che non comportino iscrizione ad ASI o FMI.

    Attualmente il certificato RIVS risulta essere riconosciuto da più compagnie di assicurazione: pertanto, nella maggior parte dei casi, è sufficiente essere iscritti al RIVS per poter avere accesso a prodotti assicurativi dedicati. La situazione è particolare, e non è quindi possibile generalizzare, cosa che veniva più facile con le modalità operative precedenti, in cui il RIVS, grazie agli accordi presi con le agenzie collaboratrici, poteva pubblicare sul sito i preventivi.

    La situazione varia, e le variabili fondamentali sono due: tipologia del veicolo (auto, moto, ciclomotore ecc..) e zona di residenza. Per cui per avere maggiori informazioni sulle soluzioni assicurative che non impongano l’iscrizione ad ASI o FMI è necessario contattarci (www.rivs.it) e valutare assieme la singola posizione assicurativa e le soluzioni più convenienti.

    Tanto per essere chiari: soluzioni alternative ad ASI ed FMI ce ne sono, forse più di prima, sono soltanto cambiate le modalità operative.

    Ringrazio per l’attenzione e rimango a disposizione per ulteriori informazioni.

    Un saluto a tutti
    Alberto – RIVS

  3. per MICHELE: la storicità dipende da cosa le interessa, poichè in Italia una definizione, chiara ed inequivocabile, di “veicolo storico”, purtrppo non esiste.

    Nel suo caso potrà certamente fruire di alcune soluzioni assicurative vantaggiose, mentre per il bollo dovrà attendere il compimento del trentesimo anno d’età.

    Si ricordi che gli autocarri, ma i veicoli storici in genere, andrebbero utilizzati solo per usi privati e NON per usi professionali. Questo è molto importante onde evitare di incorrere in problemi con la sua (eventuale) assicurazione storica.

    Un saluto
    Alberto – RIVS

  4. Salve,
    io dovrei assicurare una Range Rover dell’ 89.
    Sono già iscritto ad un club, ma da quest’anno non potrò più fare la polizza perchè l’ aasicurazione non ha più rinnovato la convenzione per le auto storiche.
    Cosa posso fare e dove potrò assicurare la mia auto?
    Grazie.

  5. Salve a tutti,sono in possesso di una VW golf1 del 1982 tre porte 1.6 gld,non ricordo di preciso in che anno è stata trasformata in furgonetta,vorrei capire se è iscrivibile ASI e se per fare polizza assicurativa è obbligatorio l’iscrizione oppure no,l’elenco dei veicoli iscrivibili dove si puo’leggere?
    Grazie a tutti in anticipo
    Distinti Saluti
    Sabatino

  6. Salve a tutti,Vi scrivo dalla provincia di Salerno,possiedo una vw golf del 1982 1.6 diesel tre porte,non ricordo di preciso in che anno è stata trasformata in furgonetta(VAN)e sul libretto di circolazione è scritto autocarro,volevo chidervi è possibile iscriverla ASI? quale è la procedura?è necessario iscriverla ASI per avere la polizza per auto d’epoca?
    Grazie in anticipo a tutti
    Distinti Saluti
    Sabatino

  7. Buongiorno, ho appena acquistato (cointestata con un amico)una FIAT 600 del 1968 non iscritta ASI. Il vecchio proprietario non ha saputo dirci se è iscritta a qualche registro storico…è possibile sapere quali sono le compagnie assicurative che si occupano di mezzi storici non iscritti ASI? Il mio amico ha avuto in passato altre auto storiche per cui pagava un’assicurazione ridotta, ma ora pare non sia più possibile senza iscrizione ASI, addirittura ci hanno richiesto ASI targa Oro!!! Grazie in anticipo per le indicazioni!

  8. Salve a Tutti,Vi scrivo dalla provincia di Salerno,riguardo alle auto d’epoca ho una VW golf del 1983 1.6 diesel tre porte,nel 1995 è stata trasformata in autocarro cosi’ è scritto sul libretto,vi chiedo se è possibile iscriverla come epoca e quale è la prassi,se non è possibile l’iscrizione epoca si puo’ ottenere una polizza assicurativa con qualche agevolazione tenendo conto anche di non utilizzare il veicolo per il quale è omologato?per la tassa come funziona?
    La lista dei veicoli iscrivibili d’epoca dove si puo’ richiedere?
    Grazie a tutti in anticipo
    Distinti Saluti

  9. chiedo scusa se ho ripetuto il post,se la risposta:Autore: sergio data: nov 25, 2012

    se sei gia iscritto ad un club prova con la insuranceberica sas,era rivolta a me non sono iscritto a nessun tipo di club,potete darmi qualche altra informazione come da vecchi post?
    di nuovo grazie a tutti
    Sabatino

  10. ho una mercedes del 1993 a ottobbre,180 elegant
    1800 di cilindrata .
    vorrei sapere per pagare il bollo di meno dove mi posso rivolgere,

  11. Salve Mario,

    molto dipende dalla sua regione di residenza, poichè la prassi di riscossione del bollo varia da regione a regione. sul nostro sito c’è un’intera sezione dedicata al bollo per le auto storiche.

  12. Buongiorno.
    Sono associato ad una associazione culturale “non riconosciuta”, proprietaria di una automobile Ford registrata come auto storica.
    Una compagnia assicurativa ha assicurato il veicolo come “storico” per lo scorso anno senza alcuna difficolta’.
    Nel richiedere il rinnovo della polizza assicurativa per l’anno in corso, ci siamo visti rispondere che il rinnovo non e’ possibile in quanto l’auto non e’ intestata ad un privato ma ad una entita’ dotata di “personalita’ giuridica”. E’ questa una regola che vale per tutte le assicurazioni? Come mai il problema non e’ stato sollevato al momento della stipula del contratto.
    Vi ringrazio per un vostro cortese chiarimento.
    Cordiali Saluti
    Antonio

    • Per Andrea (Commento: 24 novembre 2017)

      In seguito all’ultimo aggiornamento normativo, sono necessari 30 anni dall’anno di costruzione per poter definire “auto d’epoca” una vettura che deve comunque rientrare nell’elenco di modelli che possono essere considerati tali

      (immagino che l’anno di costruzione sia 1988 e non 1898 come indicato)

      Alessandro Voci
      SosTariffe.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *